I costi di una scarsa igiene dentale


Molte persone considerano le malattie dentali come un fatto spiacevole ma inevitabile della vita. In molti non realizzano quanto grave possa essere una malattia orale.
Le malattie orali possono infatti risultare gravose, sia in termini di intensità del trattamento che in termini di costo dei trattamenti stessi. Inoltre,i bambini sono spesso costretti a perdere giorni di scuola e i genitori ad assentarsi al lavoro, semplicemente per colpa del mal di denti.
Non solo, una scarsa igiene orale è anche esteticamente sgradevole: può portare ad avere un alito cattivo, denti ingialliti o anneriti con gengive irritate, o persino alla caduta dei denti. E tutto ciò non è particolarmente attraente. Una malattia dentale visibile non solo mina l'autostima della persona interessata, ma può anche portare gli altri ad evitarla. Ad esempio, gli adulti che presentano scarsa igiene orale trovano più difficoltà nell’assicurarsi un’ occupazione stabile, come afferma una ricerca condotta nel 2000 dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani negli USA.
Infine, sapevi che le malattie dentali sono associate ad una serie di altre gravi patologie? La periodontite (una forma aggravata di malattia alle gengive) è stata associata a problemi cardiovascolari, infarti e polmonite batterica.

Dai denti da latte a quelli da adulto


Ci sono 20 denti da latte, molto più piccoli dei 32 denti permanenti degli adulti. Il gruppo dei ""denti primari"" è costituito da quattro incisivi, due canini e quattro molari per ogni mandibola.
I denti da latte iniziano a formarsi nell'utero e possono spuntare tra i cinque e gli otto mesi, sebbene la loro comparsa possa variare, e nei maschietti si presentino più tardi che nelle bambine. L'ultimo di questi denti primari spunta di solito quando il bambino ha tra i due e i tre anni.
I denti da latte iniziano a cadere intorno ai sei anni e in media fino ai 12. In ciascuna mandibola, i quattro incisivi primari sono sostituiti dai quattro incisivi permanenti, i due canini primari da due canini permanenti, e i quattro molari primari da quattro premolari permanenti.
Intorno ai sei anni, spuntano i primi quattro molari permanenti in fondo alla bocca. Essi non presentano un loro equivalente nei denti da latte.
Intorno ai 13 anni, un bambino non ha di norma più denti da latte, e presenta 28 dei 32 denti permanenti in bocca. Gli ultimi denti permanenti a spuntare sono di solito i terzi molari o denti del giudizio (vedi sopra), che possono comparire in qualsiasi momento durante gli ultimi anni dell'adolescenza o anche a metà dei vent'anni, o non comparire affatto.


L'IMPORTANZA DEI DENTI DA LATTE

Dal momento che i denti primari cadono, è un luogo comune errato credere che la cosa non abbia importanza. I denti primari ricoprono una serie di ruoli decisivi:

  • I denti primari sono essenziali nei primi passi della digestione del cibo: masticazione, triturazione e macinazione.
  • I denti primari funzionano come guide per quelli permanenti; mantenendo posizioni corrette all'interno della bocca, fanno sì che i denti permanenti spuntino al punto giusto e in maniera corretta. Se i denti primari cadono prematuramente a causa della carie aumentano le possibilità che i denti permanenti diventino storti o addirittura vengano bloccati da altri denti.
  • La carie e le malattie dentali nei denti primari possono essere trasmesse facilmente ai denti permanenti al momento della loro comparsa. I molari primari rimangono in bocca fino ai 10-12 anni circa, aumentando le possibilità di trasmettere la carie ai loro nuovi vicini.
  • Se raggiunge la radice, una infezione in un dente primario cariato può danneggiare lo sviluppo del dente permanente dalla sua nascita

 

PERCHÉ DEVI STARE ATTENTO ALLA COMPARSA DEI DENTI DA ADULTO (IL PERIODO DELLA DENTIZONE MISTA)

L'inizio del periodo della dentizione mista si presenta circa intorno ai sei anni, con denti sia primari che permanenti in bocca:

  • I nuovi denti permanenti non sono ancora del tutto maturi. I primi due anni dalla loro comparsa sono critici dal momento che questi denti sono più deboli ed esposti alla carie.
  • I molari del sesto anno sono particolarmente inclini a cariarsi - sono i primi denti permanenti a spuntare in bocca e compaiono proprio dietro i denti primari, e per questo motivo è facile dimenticarsene.
  • La discontinuità tra i denti da latte e quelli permanenti mescolati tra loro rende più complesso pulirli e proteggerli.

 

Perché è importante usare il filo interdentale?


La causa principale della malattia parodontale è la placca batterica, uno strato biancastro, che si deposita sui vostri denti e gengive. Tuttavia, con una buona tecnica d’uso dello spazzolino e del filo interdentale si può rimuovere efficacemente. Ecco perchè bisogna dedicare tempo alla pulizia orale , con dedizione e costanza.
Ricordate che molti problemi si verificano principalmente tra i denti dove lo spazzolino non può arrivare. Il filo interdentale arriva laddove lo spazzolino non riesce, per apprendere la tecnica giusta di utilizzo del filo interndentale, chiedete al vostro dentista di mostrarvi i giusti movimenti
Se non hai mai usato il filo interdentale, le gengive possono sanguinare un po’, ma dopo una settimana o due questi disturbi scompaiono, in caso contrario, consultare il dentista.

Tenere il filo tra il pollice e l'indice. Inserite il filo delicatamente fra due denti e fatelo scorrere avanti - indietro. Quindi rimuovere il filo e sciacquare la bocca.

Come mantenere pulito lo spazzolino?


L’igiene dello spazzolino è fondamentale. Segui questi semplici consigli per mantenerlo sempre pulito:

  • Non condividere il tuo spazzolino da denti. Oltre che poco igienico, questo gesto aumenta il rischio di infezioni. Infatti, germi e batteri possono essere trasferiti rapidamente e facilmente da una persona all'altra, specialmente se uno dei due ha qualche malattia infettiva.
  • Evita che gli spazzolini riposti si tocchino. Il contatto può creare contaminazione batterica, dato che i batteri e i germi di un membro della tua famiglia possono essere passati a te tramite il tuo spazzolino.
  • Tieni lo spazzolino lontano dalla toilette e chiudi la tavoletta. Ricorda che in ogni risciacquo la toilette emana nell’aria molte micro gocce d'acqua contaminata, che poi si depositano sugli oggetti circostanti. I dentisti consigliamo quindi di riporre gli spazzolini ad un minimo di 2 metri da essa
  • Riponi lo spazzolino in verticale. Questo rende più facile lo scolo dell'acqua in eccesso e lo manterrà asciutto e pulito.
  • Sciacqua lo spazzolino con cura e con abbondante acqua dopo l'uso. Questo eliminerà i residui di dentifricio, i germi, i batteri e i residui di cibo.
  •  Sostituisci lo spazzolino regolarmente, ogni 3 mesi, oppure quando noti che le setole sono danneggiate o deformate. E ricorda: Lo spazzolino dei bambini dovrebbe essere cambiato più frequentemente, poiché spesso lo mordono per gioco, causandone un consumo prematuro.
  • Sembra ovvio da dire ma non usare mai lo spazzolino per pulire altre cose o degli oggetti sporchi, se non dopo averlo dismesso.

 

Come scegliere lo spazzolino giusto?


Gli esperti raccomandano di cambiare lo spazzolino ogni 3 mesi. Trovare quello più adatto alle nostre esigenze, può essere un compito impegnativo, dato che ci sono modelli sempre nuovi con interessanti novità.

Seguire questi suggerimenti,ci aiuta a scegliere quello che meglio si addice alle vostre necessità:

  • Se avete bisogno di uno spazzolino per rimuovere la placca e residui di cibo, è necessario disporre di una setola di media durezza.
  • Per raggiungere tutte le zone della bocca, inclusi i molari posteriori, l'ideale è trovare una testina piccola.
  • Il tipo di impugnatura dipende dai gusti di ciascun utente, accompagnata dal parere del vostro dentista. In realtà, dicono che il miglior spazzolino da denti è uno che si adatta alla bocca e allo stesso tempo, permette di raggiungere facilmente tutti i denti.
  • Preferite spazzolini a setole medio morbide o morbide, in quanto setole troppo dure possono danneggiare i denti e gengive se non vengono usati con attenzione durante il lavaggio.

Non lasciare che lo stress influisca sulla salute dei vostri denti.

Che ci crediate o no, questi problemi interessano anche la vostra salute dentale.
Soprattutto se si soffre di bruxismo, l'abitudine di digrignare inconsciamente I denti.